28 Settembre 2020
news
percorso: Home > news > News Generiche

Non basta un´altra impresa, l´Arno retrocede ma con onore

12-05-2014 09:38 - News Generiche
Conad Reggio Emilia-Imballplast Arno 2-3 (23-25, 25-16, 25-22, 22-25, 14-16)

Conad Reggio Emilia: Dordei, Catellani (L), Bassoli 10, Magnani ne, Guemart 8, Tiozzo 6, Bartoli 27, Sideri 3, Cuda 13, Benaglia 7, Santini, Tataru 1. All. Cantagalli

Imballplast Arno: Bienintesi ne, Biffoli (L), Rossi, Menicucci ne, Lami ne, Mattioli 6, Papucci 26, Signorini 6, Francesconi 9, Magnini 4, Di Benedetto 12, Pitto 12. All. Mattioli, Volterrani

Conad: ace 7, service error 12, muri 9
Note Arno: ace 3, service error 12, muri 13

L´Arno compie l´ennesima impresa di questo ultimo scorcio di campionato, vincendo al tie-break contro la capolista, fra l´altro con un Mattioli febbricitante e visibilmente senza forze, ma non basta. La contemporanea vittoria di tutte le altre, quella prevedibile di Forlì in casa con Viterbo, quelle assai meno pronosticabili di Ferrara e Monterotondo in casa rispettivamente di Cagliari e Santa Croce, condannano l´Arno alla retrocessione.
In un girone incredibilmente equilibrato, l´Arno chiude a soli 3 punti di distacco dai vicini di casa dei Lupi, che però si trovano al quinto posto in una classifica che, nella sua parte centrale, è incredibilmente appiattita. Due i punti di distanza dalla quota salvezza alla fine di questo difficile campionato: due punti che l´Arno avrebbe potuto e dovuto conquistare prima, ma questo straordinario finale di campionato, sotto la guida di un giocatore espertissimo come Francesco Mattioli, alla prima esperienza però da allenatore, ha restituito l´orgoglio per i colori bianco-verdi a giocatori, dirigenza e tifosi.

Reggio Emilia, che non solo ha vinto il campionato, lo ha praticamente ammazzato, distaccando la seconda, Cagliari, di 11 punti, ha giocato sabato una partita vera, schierando tutti i suoi uomini migliori, come è giusto che sia. L´Arno ha risposto con il ritorno in campo di Francesconi, reduce dall´infortunio di Forlì, per dare sostanza alla ricezione. Ad inizio gara, erano i padroni di casa a tentare di prendere il largo, appoggiandosi alla pressione in servizio e ad uno straordinario Bartoli. Saliva però in cattedra Signorini, che metteva a segno due punti di secondo tocco e soprattutto spezzava il set con un turno in battuta che regalava agli ospiti un break di 6-0. L´Arno riusciva poi, non senza difficoltà, a chiudere sul 23-25.
Nel secondo set, il ritorno della capolista era impressionante: Magnini rilevava Francesconi e Rossi entrava per Papucci, ma non c´era niente da fare, con Guemart e compagni che chiudevano sul 25-16.
Il terzo set era molto lottato, ma Reggio Emilia, grazie al solito Bartoli, riusciva sempre a mantenere la testa avanti, nonostante gli sforzi di un Papucci davvero indiavolato. Reggio chiudeva per 25-22.
L´Arno ci credeva ancora: nel quarto set Mattioli stravolto lasciava spazio a Magnini, e l´Arno, sotto di 6 punti sul 12-6, riusciva incredibilmente a rientrare con coraggio e determinazione se non col bel gioco: il set terminava 22-25.
Anche il tie-break era denso di emozioni: l´Arno di nuovo lasciava l´inizio agli emiliani, ma poi, con Mattioli di nuovo dentro, rientrava sorpassando al cambio campo e guadagnandosi per prima due match point, falliti grazie al solito Bartoli. La voglia di salvezza dell´Arno è più forte però della voglia di ben figurare della capolista, e Francesconi e compagni, nonostante già dalle tribune arrivino notizie poco rassicuranti, riescono per lo meno a prendersi la soddisfazione di battere la squadra più forte del campionato sul proprio terreno.
Dopo la conferma della retrocessione, facce tese per i giocatori in bianco-verde, ma anche testa molto alta, data la consapevolezza di aver quasi compiuto un´impresa. In quel quasi ci sta di mezzo la retrocessione, ma questo Arno avrà le forze per tornare a festeggiare vittorie importanti.

Un grazie particolare da tutta la squadra ai nostri tifosi, quelli che ci hanno seguito fino in fondo sperando con noi e lottando con noi. Arrivederci alla prossima stagione!


Fonte: Addetto stampa

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio