29 Settembre 2020
news
percorso: Home > news > News Generiche

L´Arno cede al Monterotondo, strada sempre più in salita

24-02-2014 09:09 - News Generiche
GS ARNO IMBALLPLAST - PALL. MONTEROTONDO 1-3 (23/25, 25/20, 22/25, 23/25)

Imballplast Arno: Bientinesi, Biffoli (L), Rossi 1, Menicucci, Lami, Mattioli 18, Papucci 24, Signorini 2, Francesconi 4, Magnini 3, Di Benedetto 8, Pitto 9. All. Volterrani, 2° All. Bocini
Battuta: 2 aces, 12 errori.
Muro: 12 punti.

Pall. Monterotondo: Del Mastro 11, Rossi 12 , Spagnoli ne, Martinoia ne, Marino 12, Bacciaglia 13, Labardi, Di Leo 19, Piccini 2, De Blasio, Mazzolena (L), Zancla 1, Forte ne.
Battuta: 4 aces, 12 errori.
Muro: 12 punti.

Niente da fare, l´Arno non riesce a cambiare marcia, e contro Monterotondo esce dal campo senza neanche un punto in saccoccia.
Volterrani sceglieva Lami e Papucci, Magnini e Mattioli, Di Benedetto e Pitto, Biffoli libero. Avvio arrembante dei laziali di Monterotondo, che scappavano subito avanti 4-8 e poi 9-16 grazie ad una gran prestazione al servizio di tutta la squadra e a una grande attenzione in difesa e copertura: ottima sarà la prova del libero Mazzolena, forse il migliore in campo. Volterrani rilevava subito un Magnini positivo in attacco ma autore di un errore in ricezione e schierava Francesconi. L´Arno tentava il recupero, arrivando quasi all´aggancio sul 20-21 grazie a un Papucci in gran forma e ben servito dal subentrato Signorini, ma nel finale Monterotondo riusciva a chiudere sul 23-25.
Seconda frazione con Francesconi e Signorini in campo: il play castelfranchese si esprime bene e guida la squadra in un set in cui ci sono poche sorprese: l´Arno va subito avanti (8-5, 16-10), e grazie anche a 4 muri punto e ancora agli attacchi di Papucci, riesce a tenere a distanza gli avversari (21-16) e a pareggiare i conti (25-20).
Terzo set molto combattuto, con l´Arno che riesce subito a conquistare un piccolo break (8-6), ma senza chiudere i conti: l´alzatore laziale Piccini serve spesso e bene i centrali Bacciaglia e Marino, non potenti ma precisi e bravi a farsi trovare pronti, e forse per la prima volta nell´anno Di Benedetto e Pitto soffrono i diretti avversari al centro. Monterotondo mette la freccia (14-16, 20-21); l´Arno recupera con un ace di Mattioli, ma la battuta successiva finisce in rete, e gli ospiti si involano sul 22-25.
Nel quarto set i giocatori dell´Arno appaiono demotivati, e questo si riflette nel gioco: punti non chiusi, ricezioni sbagliate, poca cattiversia in difesa. Papucci e Pitto cercano di incitare i compagni, ma presto Volterrani deve correre ai ripari, prima con un doppio cambio (Lami per Papucci e Rossi per Signorini) e poi cambiando entrambi i ricettori (dentro Menicucci e Magnini). La squadra si riscuote un po´ dal torpore, e dal 12-16 risale fino al 18-21. Il punto del possibile pareggio sul 23 pari è vanificato da un´assurda invasione di piede fischiata inspiegabilmente a Menicucci (arbitraggio davvero penoso, e questa purtroppo non è una novità). Monterotondo chiude il match, portando meritatamente a casa l´intera posta.
L´Arno invece deve leccarsi le ferite, e sfruttare la settimana di riposo in arrivo per trovare le motivazioni che la spingano ad onorare un campionato finora giocato sottotono. La quota salvezza è a +8, ma il campionato è estremamente equilibrato, e con un miracolo Bientinesi e compagni potrebbero ancora sperare. Certo che per meritarsi un miracolo è necessario un atteggiamento sicuramente diverso in campo, un atteggiamento che, ad oggi, non si è visto.

Fonte: Addetto stampa

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio