29 Settembre 2020
news
percorso: Home > news > News Generiche

Il derby va ai Lupi

18-02-2014 14:29 - News Generiche
GRUPPO BIOKIMICA-IMBALLPLAST ARNO 3-2 (21-25; 25-17; 25-20; 28-30; 15-13)

GRUPPO BIOKIMICA: Nuti 2, Sabatini 13, Baldaccini 9, Da Prato 19, Del Campo 15, Andreotti 16, Pinzani (L), Razzetto 6, Ciulli, Lumini, Catania, Diouf n.e. Allenatore: Pagliai.

IMBALLPLAST ARNO: Lami 2, Papucci 28, Di Benedetto 11, Pitto 8, Mattioli 14, Magnini 4, Biffoli (L), Signorini, Menicucci, Francesconi 4, Rossi, Bientinesi 1.
Allenatore: Volterrani.

Davanti a circa 700 spettatori, le due squadre più forti del comprensorio del cuoio danno spettacolo per oltre due ore, con l´esito che va a ricalcare esattamente quello della gara d´andata, con i Lupi che si aggiudicano il tie-break.
Se all´andata però l´Arno aveva dominato i primi due set per poi spegnersi progressivamente, stavolta è stato un rincorrersi di emozioni, sbandate, sorpassi e controsorpassi che hanno caratterizzato tutta la durata del match, forse non giocato bene tecnicamente in ogni frangente, ma sicuramente molto emozionante dall´inizio alla fine.
Volterrani schierava inizialmente Lami in regia con Papucci opposto, Magnini e Mattioli ricettori, Di Benedetto e Pitto centrali, Biffoli libero. Pagliai mandava in campo il sestetto tipo biancorosso guidato da Nuti in regia, con Sabatini opposto, Andreotti e Dal Campo schiacciatori, Da Prato e Baldaccini centrali, Pinzani libero.
L´inizio arrideva subito all´Arno, che infilava un filotto impressionante grazie al turno di battuta di un De Benedetto molto carico: subito 3 aces e 4 a 0. I Lupi si risvegliano subito, guidati dall´esperta regia di Nuti, e pareggiano i conti. Di qui il set procede in grande equilibrio, con i centrali dell´Arno che viaggiano alla grande in attacco, mentre Papucci e Mattioli stentano ad entrare in partita; dall´altra parte, il peso dell´attacco è per lo più sulle spalle di Sabatini, che però sbaglia a più riprese. Proprio grazie alla migliore solidità sotto rete l´Arno riesce a restare avanti 16-15 e 21-19, ed a chiudere piuttosto agevolmente.
Il brutto avvio dei Lupi sembra continuare nel secondo set, in cui l´Arno si porta sull´8 a 3, anche grazie ad una serie di errori di Lumini, presto di nuovo sostituito con Dal Campo. Tutto prosegue bene per i castelfranchesi, che cominciano a credere nell´impresa, quando sul 12 a 8 per i bianco verdi Da Prato va in battuta inanellando una gran serie di servizi che frutta un parziale di 7 a 0 per S. Croce. Volterrani manda in campo Signorini per Lami e Francesconi per Magnini, ricomponendo il sestetto titolare di inizio anno, ma l´Arno continua a subire e Andreotti comincia la parte migliore del suo match. Anche Rossi entra per Papucci, ma l´Arno non va oltre 17: alla fine un devastante parziale di 22 a 9 per i Lupi, davvero inspiegabile per coach Volterrani, inviperito per il rendimento dei suoi.
Anche il terzo set è appannaggio dei padroni di casa, ora sospinti anche dal pubblico che crede nella vittoria. Volterrani lasciava in campo Francesconi e Signorini, ma il palleggiatore castelfranchese trovava risposte solo dai suoi centrali, e poco dagli attaccanti laterali. Da Prato in panchina per Razzetto: segnale importante che Pagliai non si fida del rendimento odierno di Sabatini e vuole tenere il giovane polivalente pronto per il ruolo di opposto. Alla fine sarà una mossa vincente. I Lupi scappano subito sul 16 a 8, e in entrambe i campi si assiste alla sostituzione degli alzatori. Entrano anche Bientinesi per Di Benedetto e Menicucci per Mattioli. I Lupi arrivano sul 23-12, ed a questo punto è il turno dell´Arno di inanellare, con Francesconi al servizio, un parziale impressionante che spaventa gli avversari (24-20). Dal Campo, servito da Nuti appena rientrato, riesce infine a chiudere e smorza l´entusiasmo del pubblico di fede biancoverde.
Quarto set denso di emozioni, con Da Prato che rileva presto un Sabatini sbaglione, mentre Papucci e Mattioli, fino a quel punto piuttosto contratti, cominciano a far male agli avversari. L´Arno scappa ed ha 6 punti di margine al secondo time out tecnico, ma pian piano, guidato da Andreotti e Da Prato, riesce a rifarsi sotto. Si va ai vantaggi, l´Arno spreca un set point, poi è il turno dei Lupi di buttarne due, l´Arno si rifà avanti e chiude finalmente 30 a 28 tra le proteste della squadra di casa per un tocco contestato.
Di nuovo, dopo 4 mesi dall´andata, è tie-break tra le due storiche rivali. I Lupi partono rabbiosamente, andando sul 5 a 0, ma l´Arno, guidato da un buon Lami, non molla, e trova in Papucci il possibile fattore determinante. L´Arno ricuce, le emozioni si susseguono, il primo match point per i Lupi sul 14-12 viene annullato da un grande attacco di Di Benedetto. Nel punto seguente Da Prato subisce un muro imperioso da Mattioli che però viene fischiato fuori.
Da sottolineare come, in vari frangenti della gara, l´arbitraggio si sia dimostrato sicuramente non all´altezza dell´importanza dell´incontro; ma tant´è, ormai siamo abituati, purtroppo.
Per quanto riguarda le prestazioni dei singoli, MVP sicuramente Da Prato, determinante nella seconda frazione al servizio e da opposto negli ultimi due set. Score importante per Papucci (28 punti) ma l´opposto certaldese quasi non ha giocato i primi tre set.
Per Volterrani e co. resta proprio l´amarezza di non essere ancora riusciti a trovare quella continuità di rendimento che è essenziale per portare a casa i punti in modo più tranquillo.
Sabato sarà quindi fondamentale la partita del PalaBagagli contro Monterotondo, distante ora 5 punti dall´Imballplast. Solo vincendo l´Arno potrebbe portarsi a ridosso dei viterbesi e sperare di superarli nei turni successivi.

Fonte: Addetto stampa

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio