30 Settembre 2020
news
percorso: Home > news > News Generiche

Arno KO contro un Cardona formato super

02-12-2013 14:37 - News Generiche
Imballplast Arno - Sant´Antioco 1-3 (25-22, 15-25, 19-25, 21-25)

Imballplast: Signorini 4, Rossi 5, Francesconi 6, Mattioli 15, Di Benedetto 9, Pitto 12, Biffoli (L), Magnini 6, Papucci 4, Lami, Bientinesi, Menicucci. All: Bocini-Volterrani

Sant´Antioco: Cerquetti 1, Cardona 44, La Forgia 1, Ferraro 8, Rinoldo 6, Saglimbene 14, Spampinato (L), Rau, Pintus, Gherardi. All: Georgi


L´Imballplast cede in casa per la seconda volta nella stagione. Dopo i Lupi di Pagliai, è Sant´Antioco, guidato da un Cardona autore di una partita incredibile, a portare via punti preziosi dal PalaBagagli. L´arno, di fronte allo strapotere in attacco dell´opposto cubano, è sembrato a tratti impotente ed alla fine, dopo il primo promettente set, non ha più saputo trovare il bandolo della matassa.
Bocini ad inizio match preveriva Rossi a Papucci nel ruolo di opposto, schierando poi il sestetto classico con Signorini, Di Bendetto, Pitto, Francesconi, Mattioli e Biffoli libero.
Nel primo set ottimi segnali soprattutto dai centrali, innescati alla perfezione da Signorini, e da Mattioli, molto positivo in attacco. Il break decisivo lo scava però Pitto con un gran turno di servizio. Nonostante il tentato recupero dei sardi nel finale, la partita sembra indirizzata a favore dei padroni di casa.
E invece, a partire dal secondo set, la storia cambia, e di molto. Gli ospiti cercano Francesconi in battuta e i biancoverdi cominciano a soffrire in ricezione; Signorini, costretto a cercare la palla lontano da rete, perde i punti di riferimento e l´efficacia del gioco offensivo dei castelfranchesi scema pian piano. Dall´altra parte, inizia il Cardona-show: alla fine i punti del cubano saranno addirittura 44, con una percentuale in attacco del 65%, dato impressionante soprattutto se si pensa che ha attaccato oltre il 60% di tutti i palloni schiacciati da Sant´Antioco. A metà secondo set Bocini e Volterrani inserivano prima Lami e poi Magnini, che davano segnali importanti di intesa, ma ad inizio terzo set la formazione in campo era di nuovo quella iniziale. Papucci era inserito solo nel finale della terza frazione, e provava subito a dare la scossa con un muro imponente, ma anche l´opposto certaldese non riusciva ad incidere in attacco. Le note positive negli ultimi tre set venivano tutte dall´ingresso di Magnini nel finale di partita per uno spento Francesconi: il giovane schiacciatore pratese riusciva a collezionare in uno scampolo di partita 4 punti in attacco col 67% di positività e 2 muri punto, risultando il miglior muratore della squadra dopo Signorini (4) e Pitto (3).
Forse la prestazione a muro è proprio la nota più dolente: onore a Cardona, ma non essere mai riusciti a fermare nè soprattutto a limitare il cubano denota sicuramente un problema.
La sconfitta è sicuramente pesante, al di là della classifica del Sant´Antioco che, se Cardona si confermerà su questi livelli, non potrà che migliorare.
La trasferta a Olbia, recupero del turno scorso, sarà già un momento fondamentale per invertire il trend negativo.

Fonte: Addetto stampa

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio